Noratech s.r.l. | Tel: 03421590108 | Mail: info@noratech.it - SUPPORTO
  • Home
  • 12 passi verso il GDPR: la violazione dei dati.

12 passi verso il GDPR: la violazione dei dati.

12 passi verso il GDPR: la violazione dei dati.
Cosa fare se i dati personali che tratti vengono violati.

Il GDPR non ti impone alcuna misura specifica, per tutelare i dati dei tuoi clienti e dipendenti. Tu devi adoperarti affinché il tuo sistema informatico impedisca che vengano sottratti, eliminati o comunque alterati. Non esiste una ricetta univoca per tutti, anche perché il GDPR dice espressamente che le misure che adotti devono essere compatibili con la tua attività e le tue possibilità economiche. Nessuno pretende che ti doti di sistemi di sicurezza da multinazionale. Ci sono però diversi accorgimenti che ti consiglio di seguire.

1. e-mail

Ci sono diversi servizi e-mail sul mercato, alcuni gratuiti, altri a pagamento. Diciamocelo, alcuni sono buoni, altri meno buoni. Alcuni eccellenti, altri assolutamente pessimi. Scegli il servizio che credi, ma cura che le mail escano dalla casella di posta su server autenticati e cifrati. Accertati che sia così. Chiedi a chi ti segue la parte informatica o chiedi pure a noi, è questione di pochi secondi. Se così non fosse, le tue mail girano in chiaro per la rete e i dati che mandi via mail altrettanto, non va affatto bene. Un servizio di eccellenza è fornito da Google con Gmail.

2. Firewall

Cos'è un firewall? È un apparato di rete che, come suggerisce il nome, fa da muro di fuoco tra internet e la tua rete interna, determinando chi e cosa possa o non possa passare. È una delle soluzioni più indigeste, per nostra esperienza, perché un buon firewall richiede un canone mensile o annuale per gli aggiornamenti. Scoccia, ma vi mette al riparo da un sacco di grane e dalle reprimende che possono nascere da quelle grane.

3. Backup dei dati

 Il backup è una misura davvero importante. Va fatto su supporti sicuri, possibilmente inaccessibili via rete da ransomware e virus di vario genere. È auspicabile che vengano replicati anche su struttura decentrata, come ad esempio uno spazio in cloud. Non fare i backup è una scelta pessima. Farli "quando capita" equivale a non farli. Chiediti se puoi permetterti di buttare letteralmente le giornate, non facendo i backup dei tuoi dati. Il fatto che tu non abbia copia dei tuoi dati è considerato data breach, pertanto perdita di dati.

4. Certificato SSL

Se hai un sito web e hai un e-commerce collegato, hai necessità di avere un certificato SSL che garantisca i tuoi clienti di essere su un sito sicuro. Questo perché passano nella rete i loro dati di pagamento, compresi i codici della carta di credito. Chi ti passa queste informazioni vuole qualche garanzia che non vadano a finire nelle mani sbagliate.

5. Antivirus

Proteggi i tuoi computer con un antivirus. È molto importante, soprattutto se hai un computer con Windows. A fronte di una spesa irrisoria, proteggi il tuoc omputer dai numerosi attacchi ed insidie che possono colpirti quitidianamente e mettere a repentaglio la sicurezza dei tuoi dati.

6. Usa password robute

Ti raccomandiamo di proteggere con password tutti i tuoi dispositivi. Possibilmente con password robuste. Anche i tuoi dispositivi mobili, se ti permettono di accedere ai dati personali che tratti, devono essere protetti da PIN o password. Sfrutta tutti gli espedienti e i mezzi che i dispositivi ti mettono a disposizione per evitare che, in caso di furto degli stessi, i tuoi dati cadano in mani sbagliate.

7. Cifra i dati

Se usi computer portatili, che ti possono essere sottratti, cifra i dati. Acquista un software di cifratura e proteggiti da questo rischio. Parliamo di cifre ridicole, a fronte di una completa serenità.

Se desideri maggiori informazioni, compila il form qui sotto e scegli come argomento PrivacyLab GDPR o visita la nostra pagina dedicata!

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.